Instagram: profilo bannato o sotto ShadowBan? Ecco la soluzione

  • 5
    Shares

Instagram bannato shadowban soluzione

Il tuo profilo su Instagram è finito nelle insidie dello ShadowBan o è stato momentaneamente bannato da alcune funzioni come hashtag e tag? Tranquillo/a, Instagram non ce l’ha con te, sei finito/a solamente tra la classifica dei cattivi nel suo algoritmo per via di alcuni trucchetti che usi o forse solamente per sbaglio. In questa guida ti spiegheremo come fare per uscirne in pochi e semplici passi.

Instagram: profilo bannato e shadowban. La soluzione

Prima di entrare nel panico devi sapere che lo ShadowBan colpisce solo i profili aziendali. In pratica, se sei stato/a colpito/a da questo particolare ban, non sarai più visto/a, ovvero sarai invisibile ai nuovi seguaci e alle persone che potresti potenzialmente raggiungere ogni volta che pubblichi una foto o utilizi gli hashtag e i tag. Non apparirai nelle ricerche e le tue foto non avranno più un’espansione virale; tuttavia, tu vedrai il tuo profilo come sempre, così come i tuoi seguaci, e dunque sarà difficile accorgertene, a meno che non noti un calo vertiginoso di visualizzazioni e mi piace su Instagram e cominci a insospettirti.

Detto questo, devi sapere anche che esistono online anche dei check tool per scoprire se il tuo profilo è sotto lo shadowban di Instagram ma, purtroppo, dopo aver testato più volte questi servizi, mi sento di dirti che non sono per niente affidabili e non lo potranno mai essere, in quanto, com’è ovvio che sia, Instagram non rende pubbliche le penalizzazioni ne tantomeno le caratteristiche e i calcoli del suo algoritmo. Ovviamente, puoi stare tranquillo/a, perchè se fossi una vera minaccia per Instagram il tuo profilo sarebbe stato disattivato all’istante. Per ora, hai avuto solo una punizione; dovrai attendere che l’algoritmo di Instagram decida che sei pronto/a per usare nuovamente a pieno le sue funzionalità, oppure puoi uscirne seguendo questa semplice procedura (non sicura al 100% ma nel 90% dei casi funzionerà):

  1. In primis, come abbiamo detto inizialmente, lo shadowban colpisce solo i profili aziendali. Dunque, la cosa che devi fare per prima, è passare di nuovo da un profilo aziendale ad uno personale. L’operazione è sempre reversibile, dopo 24-48 ore potrai tornare ad essere un profilo aziendale;
  2. Una volta passato/a a profilo personale, elimina i primi commenti con gli hashtag dalle tue foto (puoi anche modificarli se possibile) e revoca l’accesso a tutte le app esterne che accedono a Instagram. Ora sloggati da Instagram (esci dal tuo account) e disinstalla Instagram;
  3. Scarica un’app per la pulizia della cache (memoria spazzatura) del tuo smartphone e procedi con la pulizia di quest’ultima. Se non sai di cosa sto parlando, ti consiglio subito sotto due app da scaricare che funzionano alla perfezione, una per Android ed un’altra per iOS (iPhone):

    Per Android:

    CCleaner
    CCleaner
    Developer: Piriform
    Price: Free+

    Per iOS:

  4. Sei arrivato/a ora al punto 4 di questo procedimento. Reinstalla Instagram scaricando l’app dallo store ma non loggarti e non aprire l’app;
  5. Se fino ad ora eri collegato ad una linea WiFi, riavvia il modem per cambiare ip interno, oppure passa alla linea mobile 3G/4G o, se puoi collegarti su una linea di un vicino o a casa di un amico così da avere una connessione completamente diversa, ancor meglio;
  6. Procedi ora con il login su Instagram e pubblica una foto, senza hashtag e tag facendo like in maniera naturale, ovvero solo con i tuoi seguaci, attendendo almeno 24 ore prima di eliminarla (se vorrai eliminarla, altrimenti potrai tenerla, non fa alcuna differenza);
  7. Dopo che sono passate le 24 ore, passa di nuovo a profilo aziendale e, se il procedimento ha funzionato, sarai uscito/a finalmente dallo ShadowBan.

N.B.: Se sei riuscito/a ad uscire correttamente dallo shadowban su Instagram, ricorda che rientrarci una seconda volta non è nulla di difficile. Cerca di non usare BOT e script per in maniera massiccia e pubblica le foto sempre con un numero massimo di 20-25 hashtag, così da stare sempre nei limiti e non intaccare nuovamente l’algoritmo.

– 4480 visite


  • 5
    Shares

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.